Apple

Microsoft

Il trend del 2019: Apple vs Microsoft

Diciamocelo, a ognuno di noi, prima o poi, è capitato di intraprendere una vivace conversazione, più di cuore che di testa, con l’amica o l’amico di turno, o addirittura in famiglia, sulla qualità delle performance dell’uno o dell’altro marchio, scatenando flame war e ole tra gli astanti, tipo stadio. Chi ha avuto ragione tra i cultori di Apple e gli affezionati a  Microsoft? Tra coloro che hanno subito il fascino della mela di Cupertino e coloro che hanno preferito affidarsi alla stabilità di Microsoft.

Ebbene, Apple oggi è solo al terzo posto, dopo Amazon, mentre Microsoft ha conquistato la pole position dei mercati per l’anno fiscale 2018! La più cool delle aziende è stata surclassata dal “dinosauro del PC”. Come ha fatto?

In primo luogo la ragione va ricercata nel punto debole di Apple, quello di aver puntato soprattutto sulle vendite di iPhone che rappresentano il 63% delle entrate fiscali del 2018, azione che, secondo le proiezioni della stessa Apple, si ripeterà anche in futuro, salvo ravvedimenti sempre verosimili.

Microsoft, invece, ha scelto di diversificare in modo altamente equilibrato e ben distribuito le sue vendite; per questo viene percepito dalla Borsa come un investimento potenzialmente meno rischioso e soggetto a volatilità inferiore rispetto ad Apple.

Inoltre, insieme al fatto che per parametri qualitativi, Microsoft gode di un sentiment migliore, per Apple le previsioni di innovazione sono decisamente più basse rispetto a quelle dell’azienda rivale che ha creduto in un mercato del PC, come il sistema operativo Windows e la sua linea di prodotti Surface, che si riteneva già superato; dispositivi che insieme al business Azure Cloud sono in continua crescita.

Inoltre, proprio all’inizio del 2018, nell’annuale classifica stilata da Ethisphere Institute la “World’s Most Ethical Companies”, svetta proprio il colosso di Redmond. 

Inutile dire che, anche grazie alla grande assenza di nomi come Apple e Google, è stato ancor più “semplice” per Microsoft, risultare la miglior compagnia IT del 2018.

I nostri complimenti a Microsoft, dunque, e l’augurio di continuare a cavalcare in modo vincente i mutevoli e fluttuanti mercati a cui parteciperà.